Conformismo vs pluralismo, evento il 7 novembre

Giovedì 7 novembre presso il Grand Hotel Minerva di Piazza Santa Maria Novella il circolo culturale fiorentino di Nazione Futura ospita il professor Marco Gervasoni.

Titolo del dibattito “Conformismo vs pluralismo”.

L’associazione culturale Nazione Futura inaugura la nuova stagione di dibattiti e incontri con un evento di sicuro interesse dal titolo Conformismo vs pluralismo” che avrà luogo il 7 novembre alle ore 17:30 presso il Grand Hotel Minerva di piazza Santa Maria Novella.

Due ospiti illustri animeranno il confronto: Marco Gervasoni, professore di Storia Contemporanea all’Università degli Studi del Molise e Ginevra Cerrina Feroni, docente di diritto pubblico comparato presso l’Università di Firenze. Insieme a me, a moderare il dibattito, ci sarà Graziano Davoli.

“Pluralismo vs conformismo” è, di fatto, una delle fratture socio-culturali contemporanee. Il concetto di “pluralità” sembra essersi allontanato dalle nostre democrazie, sempre più polarizzate dai personalismi e dallo scontro verbale, a scapito dei contenuti. Ne risulta un quadro partitico sempre più frammentato che, tuttavia, non è sinonimo di un pluralismo virtuoso ma solo di una sorta di campagna elettorale permanente che non giova alla democrazia rappresentativa. A questo si aggiungono gli effetti provocati dalla digitalizzazione della comunicazione politica.

Durante l’evento sarà presentato il libro di Marco Gervasoni “La rivoluzione sovranista” edito dalla casa editrice Giubilei Regnani. In questo saggio l’autore muove un’interessante analisi sui cambiamenti che hanno investito le democrazie occidentali partendo dalla crisi del 2007-2008, che viene considerata un vero e proprio spartiacque. Il fallimento dell’élite globalista e autoreferenziale ha portato alla ribalta i movimenti cosiddetti populisti e sovranisti. L’analisi di Gervasoni, tuttavia, non si ferma alle “etichette”, ma anzi cerca di superare queste classificazioni, proponendo una lettura alternativa basata sui riferimenti al nazionalismo e al conservatorismo.

Prima di “Conformismo vs pluralismo”, Nazione Futura Firenze ha ospitato Giulio Meotti de Il Foglio.

Avremo, così, la possibilità di capire quali sono le cause che hanno portato all’emersione di nuovi leader come Trump, Salvini, Le Pen e Bolsonaro. Un saggio complesso, considerati gli argomenti trattati, ma che ha il pregio di adempiere alla missione divulgativa con parole semplici e comprensibili anche ai non addetti ai lavori.

Ma c’è un altro aspetto che, sicuramente, rientrerà nel dibattito del 7 novembre. A proposito di pluralismo e conformismo, il professor Gervasoni è stato recentemente “allontanato” dalla Luiss che ha preferito non rinnovare il suo contratto. Una decisione legittima per un’università privata ma che, considerate le modalità mediante le quali è avvenuta, getta più di un’ombra sulla libertà di espressione e di pensiero all’interno di alcune realtà accademiche italiane.

1 pensiero su “Conformismo vs pluralismo, evento il 7 novembre

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.