Governo, Mosca: “PD-M5S? Peggio di Togliatti”

Alfredo Mosca: “PD-M5S sarebbe il governo più di sinistra della storia. Salvini? Ha sbagliato i tempi della crisi. Forza Italia è il Centrodestra. Solo uniti si può vincere in Umbria, Emilia e Toscana…”

Proseguono le trattative tra M5S e PD per la formazione di un nuovo esecutivo. Ira di Salvini: “Litigano sulle poltrone”. Forza Italia ferma sul ritorno al voto. Quello tra grillini e dem sarebbe un governo del tutto anomalo, tra due formazioni che si sono combattute aspramente. L’unico collante il timore di tornare alle urne.

Alfredo Mosca, giornalista ed editorialista de L’Opinione, è sempre un osservatore attento e acuto sulle vicende politiche, in particolar modo per quelle che coinvolgono l’area del Centrodestra. Alfredo ha concesso al blog un’intervista in cui si analizza il delicato momento politico del Paese.

Alfredo, grazie per la disponibilità. Un quadro su questo momento politico? “La situazione si sta incartando perché i grillini cominciano ad aver paura non solo del voto sulla piattaforma on-line Rousseau ma di finire fagocitati dal PD. Dal lato del PD la situazione non è certo migliore. Non bisogna dimenticare che stanno gli uni contro gli altri armati e che questa è stata una mossa di Renzi per rompere il partito. Costringendo Zingaretti a proseguire nella trattativa. Si tratta, come ho scritto, dell’alleanza della vergona. Un esecutivo tenuto insieme solo dalla paura del voto (per approfondire). Non ho timore a dire che quello tra PD e M5S sarebbe il governo più di Sinistra della storia d’Italia abbia mai conosciuto. Nemmeno Togliatti ai suoi tempi sarebbe stato capace di arrivare a tanto”.

Un giudizio sull’operato di Salvini. Come giudichi questa rottura? “L’ho detto e l’ho scritto nei miei editoriali. La mia opinione su Salvini è nota ed è negativa. Dal 4 marzo in poi Salvini ha commesso una serie di errori. Il primo di questi è stato proprio allearsi con i Cinquestelle (per approfondire). Per tutta la durata del governo Conte ha tenuto un atteggiamento sbagliato verso Forza Italia, di acredine. E in questo in parte l’ha seguito seppure in maniera più sfumata la leader di FDI Giorgia Meloni. Salvini ha sbagliato poi, ed è stato il suo errore clamoroso, nella scelta del momento per aprire la crisi. Doveva rompere un’ora dopo il risultato delle Europee. Salvini doveva o imporre ai M5S un radicale cambio nella compagine governativa, con nuovi ministri e dunque nuove politiche soprattutto sui migranti o il voto. A maggio nessuno poteva sbandierare l’incognita della finanziaria che invece adesso è imminente. I temi sono stati sbagliati. Non mi stupisce che all’interno del suo partito ci siano dei malumori sul suo operato. Salvini ha dimostrato di non avere capacità strategica e non può certo essere il leader del Centrodestra”.

Nel frattempo riprendono i colloqui per il governo PD-M5S

Forza Italia, fin dall’inizio, ha tenuto una posizione chiara: il ritorno al voto. “Forza Italia è la casa dei valori liberali e riformisti. Senza Forza Italia non esisterebbe il Centrodestra. Se Forza Italia dovesse, in qualsiasi modo, appoggiare il governo giallorosso, il governo come ho già detto più di sinistra della storia, con astensioni o altro, per me sarebbe finita. Il posto di Forza Italia è il Centrodestra. Il mio augurio è che il Centrodestra torni ad essere unito. Si tratta dell’unica coalizione che è stata in grado di vincere tutte le elezioni dal 4 marzo in poi: amministrative e regionali. L’unità del Centrodestra è la precondizione per cercare di vincere il prossimo anno in regioni rosse come Umbria, Emilia Romagna e Toscana (per approfondire). Un Centrodestra unito per vincere le prossime regionali e le politiche. Prima o poi”.

“Governo, Mosca: “PD-M5S? Peggio di Togliatti” ti è piaciuto? Compila questi campi per restare in contatto.

Lorenzo Somigli – da adesso in poi!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.